Maschere



Maschera
Maschera di giada Maya

La maschera, in tutte le culture, è ritenuta espressione della fede nella presenza di entità soprannaturali.

Indossare una maschera può far trasformare e assumere per tutto il tempo che viene indossata le qualità dell’essere che rappresenta che sia un dio o un demone.

Ciò portò a ritenere le maschere come oggetti d’arte e di culto autonomi, così come  avveniva per le maschere di pietra verde levigata della cultura Teotihuacan, nell’antico Messico.

Maschere rituali in legno rivestono un ruolo importante in molte parti dell’Africa nera e della Melanesia (regione dell’Oceania).

Nell’antichità le maschere, anche nell’area mediterranea, erano strumenti per identificarsi con un essere sovrannaturale. Si ritiene che le maschere teatrali greche derivino da quelle del culto riguardante Dionisio.

Maschere terrificanti (dogon) avevano il compito come elementi decorativi di allontanare gli influssi negativi.

In epoca micenea ai defunti erano applicate sul viso maschere laminate d’oro probabilmente per nascondere la corruzione del volto.

Le maschere a forma di elmo di età romana non avevano solo uno scopo protettivo ma servivano per far apparire in una luce eroica chi le portava.

Precedente Scacchi Successivo Nilo