Casa nell’antico Egitto


Casa antico Egitto

La casa del funzionario era caratterizzata da un piano terra destinato alle attività commerciali, il primo piano al ricevimento degli ospiti, il secondo alle stanze da letto ed agli alloggi per le donne dell’ harem. I vari piani erano collegati da una scala che arrivava fino al granaio.

Nella parte alta spesso trovavano posto anche poveri alloggi per i servi.

Ad Amarna, dove i lavori di scavo hanno evidenziato l’esistenza di una vasta area abitativa, le case degli amministratori del faraone erano caratterizzate da un vasto cortile d’accesso rettangolare. Solitamente si trovava una piscina popolata di pesci e decorata da piante acquatiche galleggianti. I muri interni erano decorati da affreschi.

I costruttori di tombe di Deir El Medina, vivevano invece in case realizzate in mattoni crudi, le stanze erano solo quattro, di modeste dimensioni.

L’arredamento della casa egizia era essenziale. Nelle case più povere il mobilio si limitava ad alcune panche, un baule in legno, e stuoie con un poggiatesta per dormire.

Nemmeno le dimore signorili,tuttavia, mostravano un arredamento complesso, la cucina disponeva di solito di un braciere, di un forno in muratura e di ceste e orci per contenere le vivande.

Gli egizi non amavano le grandi tavolate.

I pasti erano consumati sedendosi su stuoie, apparecchiando su tavolini bassi per una sola persona o al massimo due. Più elaborati erano i seggi,riservati ai funzionari nell’atto di svolgere le loro funzioni o ai personaggi di rango quando davano udienze.

Sono noti sia sedili pieghevoli senza spalliera, dalle gambe a X, sia veri e propri troni con spalliera e braccioli.

Gli esemplari di maggior pregio, come quelli rinvenuti nelle tombe regali, erano realizzati in legno raffinatamente sagomato, con intarsi in oro e pietre preziose. Altrettanto importante era il letto, sostenuto da due gambe a X o da un unico stelo che sosteneva un piano incurvato su cui si poggiava la testa per dormire.

Nonostante l’apparente scomodità, il numero di tali oggetti in tutti i musei attesta che erano molto graditi dagli antichi egizi.

Cofanetti e bauli contenevano gli abiti e gli oggetti da toilette.

Nelle ore buie venivano utilizzate delle ciotole di ceramica riempite di olio su cui galleggiava uno stoppino in fibra vegetale

PROSSIMI ARTICOLI
La villa-fattoria
La signora della casa

Precedente Giuliano de' Medici Successivo Seconda Guerra Mondiale